Edizioni Orientamento / Al-Qibla - Via G. Rossa 31, 42040 Campegine (RE) - - Tel. 0522 677407

 
 
Edizioni Orientamento-Al Qibla per la conoscenza dell’Islam e del Sufismo-Tasawwuf, e della Tradizione Sacra

SU

 Edizioni Orientamento-Al Qibla
 per la conoscenza dell’Islam e del Tasawwuf, e della Tradizione Sacra
in generale,
letta alla luce della Grazia muhammadiana

 

L’idea Il Giornale di Pensiero - Quadrimestrale internazionale di studi tradizionali L’intento “essenziale” della rivista è di considerare le cose secondo la prospettiva “interiore” ricondurle al loro principio. La scienza tradizionale e le dottrine moderne hanno poco o nulla in comune; non nascono dalla stessa radice, non producono gli stessi frutti. Chi dice Tradizione dice trasmissione; si tratta di una trasmissione essenzialmente di origine non umana destinata ad assicurare la continuità di una scienza integrale che in caso di perdita non potrebbe essere ricostruita mediante sforzi umani […] Tutte le teorie contemporanee non soddisfatte di ciò che può dare la ragione cercano qualcos'altro. Ma lo cercano nella parte del sentimento e dell'istinto ossia al di sotto della ragione e non al di sopra giungendo a vedere nel subconscio il mezzo con il quale l'uomo può entrare in comunicazione con il Divino. L'unico criterio accettabile secondo noi per accostarsi ad una scienza sacra è quello dell'unità spirituale della Tradizione stessa.
(da una presentazione del Direttore de “L’idea”)

           Tracce del Mondo Sottile                                                                                                                                                    Assi e piani del mondo
          Figli del fuoco e dell'Aria                                                                                                                                                     Le misure della Terra

L’idea Il Giornale di Pensiero - Quadrimestrale internazionale di studi tradizionali
Roma, GEI Editrice -
Numeri vari (in distribuzione)

Tracce del Mondo Sottile - Figli del Fuoco e dell'Aria - 150 pagg., - € 10,00 Ordinazione Libro
N°1 anno X 2004 (in realtà uscito nel maggio 2006)

Eccoci ad un nuovo numero della rivista ‘L’Idea’, pubblicata a Roma. È bene puntualizzare da subito che, analogamente al numero precedente (da noi recensito e commercializzato, vedi sotto), la rivista in questione continua a mostrare miglioramenti dal punto di vista dei contenuti dei vari articoli, così come continuano purtroppo a sussistere vari problemi, relativi sia alla forma (incompleta correzione delle bozze, poca cura nel porre in risalto il pur apprezzabile materiale iconografico) e alla composizione della rivista (inadeguata la corrispondenza tra il titolo del numero e il suo contenuto, disattenzioni varie) sia alla distribuzione (reperibilità molto difficoltosa). L’editore, da noi interpellato, ci ha comunque assicurato che nel giro di un anno si dovrebbe risolvere perlomeno il problema della corrispondenza tra la data della rivista e quella della sua uscita reale, causa non secondaria della mancata ricezione di questo interessante periodico in molte librerie. Passando ai contenuti, osserviamo quanto segue: L’articolo di Romano Ario Patrizi su "Gli obelischi in Egitto: funzione fondamentale e traslazione tradizionale" tratta del simbolismo legato a questi impressionanti monumenti egizi, e dei significati connessi alla traslazione di molti di essi a Roma (da ritenere evidentemente in rapporto al passaggio di una certa ‘autorità’ tradizionale dall’Egitto alla Roma imperiale, e quindi cristiana). Notevole il materiale informativo presentato, non inappuntabile la forma, interessante dal punto di vista tradizionale il chiarimento di una aspetto non molto considerato della storia sacra. Di Roberto Boffoli abbiamo "Saturno e Abramo", articolo che prende le mosse da alcune osservazioni di Guénon relative alle analogie tra l’Abramo della tradizione religiosa ebraica, cristiana e islamica, e il Saturno/Kronos della tradizione greco-romana. Le argomentazioni sviluppate paiono convincenti, e gettano una luce inaspettata specialmente sui significati superiori che si possono intravedere nei resoconti relativi a entrambi i personaggi; esse tuttavia costituiscono solamente un primo passo degli studi necessari per approfondire questa importante questione. L’articolo su "Urbanesimo sacro nelle città imperiali romane" ha esclusivamente un interesse documentario, e non presenta quell’accuratezza espositiva che sarebbe necessaria per un’adeguata comprensione dell’argomento. Veramente notevole l’articolo di Albert Rieser sulla "Potenza estatica dello sciamano": in maniera estremamente precisa, direi lapidaria, si parla di questo difficile tema senza cadere in banalizzazioni, o peggio in inopportune ed eccessive fascinazioni. Quella dello sciamano viene vista per quella che è, una figura particolare nel panorama delle civiltà tradizionali, e peculiare di determinate culture tribali asiatiche (anche se senz’altro si possono vedere delle analogie con analoghi personaggi dei mondi tribali nord-americani, africani e paleo-europei). Per mezzo di un apprendistato lungo e spesso doloroso, lo sciamano si ‘specializza’ (se ci è permesso usare questa espressione) nella conoscenza del mondo sottile, e può assumere di conseguenza una serie di ‘operatività’ o ‘funzioni’ che in altre Tradizioni non si trovano riunite in una sola persona. In sostanza, si può dire che lo sciamano può essere paragonato a seconda dei casi: a) ad un medico (in quanto può arrivare ad assumere la possibilità di curare efficacemente l’‘involucro psichico’ all’interno del quale si sviluppano le patologie che poi si riveleranno a livello fisico); b) ad un sacerdote (soprattutto per quanto riguarda la messa in atto dei riti funebri); c) ad un mago ‘bianco’ (nel senso della magia ‘simpatica’ di tipo protettivo, e delle arti divinatorie); d) ad uno stregone, o mago ‘nero’ (quando viceversa sviluppa determinate capacità negative, divenendo il catalizzatore di influenze infere, possibilità questa estremamente temibile, che basta da sola a far diffidare di ogni ‘esaltazione’ preconcetta dello sciamanesimo). Non è ben chiaro, oltre a questo, se in qualche caso lo sciamano possa fungere da ‘guida iniziatica’ vera e propria: a favore di questa ipotesi sembrerebbe giocare la presenza nelle culture sciamaniche di una cosmologia completa (con una suddivisione in tre mondi, “costituenti rispettivamente il dominio della manifestazione informale, sottile, e grossolana o corporea”); d’altra parte, l’eccessiva importanza data al mondo sottile e l’esagerato interesse per scienze inferiori o secondarie come la magia parrebbero essere in contrasto con il ‘rifiuto dei poteri’ necessario per raggiungere l’Obiettivo dell’iniziazione regolare, o perlomeno sembrerebbero prospettare una ‘Via’ di grande difficoltà, che avviluppa l’adepto in un mondo (quello sottile appunto) ancora più grande, complesso e pericoloso di quello grossolano, invece che ‘liberarlo’ da ogni condizionamento. L’articolo sulla "Framassoneria", pur non essendo privo di qualche informazione utile riguardante la fondazione delle prime logge di Massoneria speculativa in Francia, è tuttavia permeato da un tono autocelebrativo piuttosto fastidioso. Di Mirjam Al-Kassar abbiamo "Nascita e morte di Maria negli apocrifi". Purtroppo, come ci è stato detto, per un banale e malaugurato errore nella fase finale dell’impaginazione (errore che testimonia peraltro delle difficili condizioni in cui viene preparata questa rivista), al posto della versione finale e corretta dell’articolo, ne sono state stampate le bozze. L’autrice, con la quale abbiamo parlato, dopo esserci rammaricata dell’accaduto, ci ha inviato la versione definitiva, ben diversa (ahimè) da quella andata in stampa. Abbiamo così deciso di pubblicare noi sul sito questo bell’articolo, nel quale vengono passati in rassegna, e brevemente valutati da un punto di vista tradizionale, i principali ‘apocrifi’ relativi alla Vergine.

Assi e piani del mondo. Le misure della terra - € 10,00 Ordinazione Libro
N°1 anno IX 2003

Nel numero precedente  "Assi e piani del mondo. Le misure della terra" N° 1 anno IX 2003 (in realtà uscito nel Settembre 2005) erano presenti tra altro: - di Miriam Alkassar, Il dritto e il rovescio delle Tavole, un commento ad una narrazione talmudica riguardante “quattro Maestri entrati nel Pardes", il giardino spirituale della lettura interiore della Torà. La storia ricorda il  successo del Rabbì Akivà, l’unico che “sa giungere dinanzi all’Eterno”. - di Carmela Crescenti, Il Tempio al Centro del Mondo: dopo le Origini, dove si parla prima della rifondazione della Ka‘ba da parte di Abramo (che ricostruì il Tempio dopo la sua prima fondazione adamitica) e quindi della Ka‘ba Muhammadiana, con particolare attenzione al significato simbolico dei luoghi e dell’edificio (nelle varie forme assunte) e dei riti del Pellegrinaggio secondo l’interpretazione che pone in rilievo gli adattamenti resi necessari nelle varie fasi della ‘decadenza’ ciclica dell’umanità. Articolo di grande rilevanza dottrinale per comprendere i significati più profondi dei riti islamici. - di Mihai Marinescu (e non Marianescu), La Tradizione nel mondo rumeno, breve introduzione al tema della diffusione della mentalità tradizionale (e delle realtà iniziatiche) in Romania, con speciale riferimento all’opera di Vasile Lovinescu. - di Filippe Berger Una sera di Ramadan al Cairo, resoconto datato 1897 di un rito di dhikr (recitazione collettiva di formule incantatorie, in uso nelle confraternite iniziatiche islamiche) visto con gli occhi di alcuni visitatori Occidentali.  di grande rilievo anche l’intervista di Angelos Abazoglou a Padre Somatis Keri, “uno degli ultimi depositari della tecnica tradizionale dell’esecuzione delle icone”. L’intervista si sofferma sia sugli aspetti più pratici della pittura di immagini sacre (e delle icone in particolare) nel Cristianesimo ortodosso, sia sui significati spirituali di tali tecniche pittoriche e delle opere che ne sono il risultato.

Per scaricare la lista dei numeri precedentemente pubblicati de "L’idea Il Giornale di Pensiero" cliccare QUI. La disponibilità effettiva di ciascun numero va verificata di volta in volta richiedendo ulteriori informazioni.

Torna su

 
Edizioni Orientamento Al Qibla - seguici su facebookseguici su facebook
  Archivio de "La Pagina del Venerdì"  |  Sezione in Arabo  |  Link  |  Catalogo  
  
  
    
  Edizioni Orientamento / Al Qibla - Via G. Rossa 31, 42040 Campegine (RE)
Partita IVA: 02140220357 -  Tel. 0522 677407
Edizioni Orientamento / Al Qibla www.edizioniorientamento.it