Edizioni Orientamento / Al-Qibla - Via G. Rossa 31, 42040 Campegine (RE) - - Tel. 0522 677407

 
Linguistica Orientale
 
Edizioni Orientamento-Al Qibla per la conoscenza dell’Islam e del Sufismo-Tasawwuf, e della Tradizione Sacra

SU

 Edizioni Orientamento-Al Qibla
 per la conoscenza dell’Islam e del Tasawwuf, e della Tradizione Sacra
in generale,
letta alla luce della Grazia muhammadiana

 Laura Veccia Vaglieri - Maria Avino: Grammatica teorico-pratica della lingua araba
 edizione riveduta e corretta a cura di M. Avino, due tomi

 Volume I, parte I: Morfologia e nozioni sintattiche - (XXII, 271 pp, 18 tavv.)
 Volume I, parte II: Esercizi in lingua araba moderna - (XVII,572 pp)
 Napoli 2011 Istituto per l’Oriente
(in distribuzione) - 50,00 Ordinazione Libro

Laura Veccia Vaglieri - Maria Avino: Grammatica teorico-pratica della lingua arabaL’Istituito per l’Oriente ripropone giustamente questa fondamentale ‘grammatica’ scritta da Laura Veccia Vaglieri nel 1936, che rifugge grazie a Dio da eccessive semplificazioni e permette di gettare uno sguardo completo sulla lingua araba. Seguendola, lo studente può progredire nella sua conoscenza ‘teorica’ anche senza dover attingere troppo dall’esterno, aiutato in questo dall’impressionante apparato di esercizi (la parte ‘pratica’ di questo testo, ora riveduta da M. Avino), che è possibile svolgere progressivamente da soli: e questo è davvero il massimo che può offrire una grammatica. Detto questo, e dopo averne elogiato la precisione e la completezza ancora senza eguali (ed ora più che mai, vista l'opera di revisione), l’unico aspetto criticabile del testo riguarda forse la prima parte, quella nella quale si affronta l’apprendimento delle lettere dell’alfabeto. Nelle condizioni attuali, in cui si ha a che fare con persone che non possono dedicare molto tempo allo studio e non sono immerse in un ambiente arabo (com’era invece il caso dei molti che vivevano al seguito dei colonizzatori italiani, e non solo italiani, sino agli anni ‘50, e che costituivano i destinatari originari di questa grammatica), sarebbe forse necessario ampliare questa parte introduttiva, fornendo anch’essa di un apparato di esercizi che facesse progressivamente avanzare nella conoscenza delle lettere. Abbiamo scelto comunque di commercializzare solamente il volume primo (che appunto giudichiamo quasi perfetto nel suo genere), suddiviso ora in due tomi, in quanto il secondo, dedicato al “completamento della morfologia e della sintassi”, non pare di particolare utilità. Qui infatti l’estrema precisione dell’autrice, assolutamente necessaria a riguardo degli argomenti citati nel primo volume, pare un peso eccessivo. Le stesse cose che vengono spiegate minuziosamente secondo i criteri della grammatica occidentale, si possono agevolmente studiare su testi arabi più semplici ed efficaci, oppure semplicemente apprendere con l’esperienza.

 Renato Traini (con la collaborazione di Maria Nallino): Vocabolario arabo-italiano - Istituto per l’Oriente (in distribuzione)
 Roma, edizione 2015 (ristampa fotomeccanica) pagg. XV-1763, copertina rigida - 97,00
Ordinazione Libro

Renato Traini (con la collaborazione di Maria Nallino): Vocabolario arabo-italiano L’Istituto per l’Oriente ristampa in volume unico il ‘Vocabolario arabo-italiano’ redatto dal Traini (che terminò la sua fatica nel 1966), con la collaborazione di Maria Nallino. È bene dire sin dall’inizio che si tratta dell’unico vocabolario italiano che risulti veramente utile a coloro che intendono dedicarsi alla traduzione di testi arabi nella nostra lingua. L’arabo infatti per la sua stessa costituzione come lingua sacra richiede una certa ampiezza esplicativa, che renda conto della varietà di significati presenti nelle radici trilittere dalle quali derivano la stragrande maggioranza delle parole. Si deve prendere atto inoltre di come sia illusorio pensare ad una ‘semplificazione’ della lingua araba, che possa permettere di accedere con poco o nessuno sforzo alla sua ricchezza. Tale lingua è infatti costruita in una maniera tale da non permettere l’accesso se non dopo un preventivo studio della grammatica, che metta lo studente nella condizione di comprendere perlomeno la più parte delle modificazioni che subisce la radice per dar origine alla parola. Naturalmente, è doveroso notare come in realtà tale particolare costituzione non sia casuale, rientrando in una generale concezione tradizionale secondo la quale lo sforzo e l’orientamento ad un certo obiettivo di conoscenza costituisce già di per sé un’acquisizione, oltre a rappresentare un antefatto necessario per entrare nella comprensione per così dire ‘tecnica’ della sapienza particolare di cui è questione. Tornando al nostro ‘Vocabolario arabo-italiano’, esso costituisce, lo ripetiamo, una base necessaria per la traduzione. Tuttavia, come confessa lo stesso Traini nell’introduzione, esso è particolarmente orientato ad una precisa intellezione dell’arabo scritto moderno, e deve molto all’inglese Wehr, del quale costituisce in realtà poco più che una traduzione (o, diciamo meglio, una buona traduzione con diverse aggiunte). Questa impostazione costituisce in realtà il limite di questa opera peraltro meritoria: l’arabo scritto moderno (e si intende in special modo il linguaggio giornalistico e politico di oggigiorno, quando non anche le scimmiottature di modalità espressive occidentali) non costituisce infatti, con ogni evidenza, la lingua che esprime ciò che di veramente importante viene veicolato in arabo (anche se è vero che non si deve troppo esagerare la differenza rispetto all’arabo più classico, costituendo tuttora la Lingua Araba un insieme unitario, al di là dello scorrere del tempo). Così, se si deve tradurre un hadith profetico, un testo metafisico o una poesia sapienziale, ci si trova spesso in difficoltà, e si deve necessariamente affiancare al Traini qualche testo straniero più qualificato a proposito; noi consigliamo il francese De Kazimirski (di cui esiste un’edizione contemporanea a cura della Librarie du Liban di Beirut, che spesso si trova nei paesi arabi ad un prezzo contenuto), scritto nel 1860 avendo come base il Lisânu l-’arab di Ibn Manzûr. E in realtà, appena possibile il traduttore dovrà riferirsi a quest’ultimo testo, così come agli altri capolavori dei Maestri della lingua del Corano.

 
 
Edizioni Orientamento Al Qibla - seguici su facebookseguici su facebook
  Archivio de "La Pagina del Venerdì"  |  Sezione in Arabo  |  Link  |  Catalogo  
  
  
    
  Edizioni Orientamento / Al Qibla - Via G. Rossa 31, 42040 Campegine (RE)
Partita IVA: 02140220357 -  Tel. 0522 677407
Edizioni Orientamento / Al Qibla www.edizioniorientamento.it