Edizioni Orientamento / Al-Qibla - Via G. Rossa 31, 42040 Campegine (RE) - - Tel. 0522 677407

 
 
Edizioni Orientamento-Al Qibla per la conoscenza dell’Islam e del Sufismo-Tasawwuf, e della Tradizione Sacra

SU

 Edizioni Orientamento-Al Qibla
 per la conoscenza dell’Islam e del Tasawwuf, e della Tradizione Sacra
in generale,
letta alla luce della Grazia muhammadiana

 

As-Sulami - La scala di luce"Il Profeta (preghi Iddio su di lui e gli porga il saluto) ha detto: "Beato chi mi vede, e chi vede colui che mi ha visto!" Ovvero, beato colui sul quale ha avuto effetto il mio sguardo e il fatto di avermi visto, e beato colui sul quale ha avuto effetto il fatto di aver visto i miei Compagni. Così la cosa è stata tramandata di stato spirituale in stato spirituale, finché ha raggiunto i saggi della comunità islamica, e i santi di Dio che sono sulla Sua terra. E dunque, chiunque abbia accolto l'influenza derivante dallo sguardo di un sapiente, o dal fatto di aver visto un santo, sappia che la benedizione spirituale di quella influenza deriva dallo sguardo che il Profeta (preghi Iddio su di lui e gli porga il saluto) rivolgeva ai suoi Compagni secondo i loro differenti stati spirituali, dato che tale influenza si esercitava su ciascuno di loro in base al suo stato. Così procede e si trasmette questa influenza spirituale dai maestri agli aspiranti, e ciò fino alla fine dei tempi, poiché la catena di trasmissione degli stati spirituali (ahwâl) è come la catena di trasmissione degli statuti legali, sebbene sia più delicata e più sottile."

As-Sulamî: La scala di luce
Torino 2006, Il leone verde edizioni, 139 pagg., (in distribuzione) - € 16,00 Ordinazione Libro

Questo libro del ‘Leone verde’ contiene tre brevi testi di Sulamî riguardanti la Via iniziatica islamica. È bene sottolineare da subito che le opere tradizionali di questo genere sono sempre degne di essere lette, anche nel caso in cui già si conoscano a livello teorico le dottrine e le pratiche che sono l’oggetto della trattazione: è infatti sempre utile vedere la maniera in cui i Maestri delle varie epoche le hanno presentate al pubblico, oltre al fatto che nelle pieghe del discorso si trovano spesso indicazioni illuminanti e ‘punti d’ascesa’ intellettuale davvero notevoli, derivanti senz’ombra di dubbio dalla Realizzazione effettiva dei vari autori, e dalla benedizione conseguente. Nel caso di specie, Sulamî parla da una parte di quanto dev’essere messo in atto dall’‘aspirante’ (murîd) nel momento in cui si mette in cammino verso Dio (e intendiamo in particolare sia la ricerca di un Maestro, sia l’adesione esteriore ed interiore alla Legge sacra e all’insegnamento profetico, sia infine gli sforzi necessari per la modificazione del carattere), e dall’altro gli aspetti più interiori e sottili del rapporto con la guida, che rimandano in definitiva all’orientamento nei confronti di Dio, Obiettivo supremo. Particolarmente interessante il primo di questi testi, dal titolo Manâhigiu l-ârifîn, “Le Vie dei conoscitori” (o ‘degli Gnostici’ secondo la traduzione proposta), laddove si descrive la trasmissione tradizionale dell’influenza spirituale, e quando si afferma che l’esoterismo (tasawwuf) “essendo una realtà puramente spirituale, già esisteva là dove non c’erano né un linguaggio, né un discorso razionale” (pag. 55).  La traduzione (ovviamente fondamentale per far capire il testo e i suoi segreti) è tutto sommato accettabile, pur non mancando qualche imprecisione; si deve però tener conto della notevole difficoltà del testo arabo (del quale comunque vengono ‘svelati’ anche i punti più ardui). Interessante anche l’introduzione, anche se dà spazio qua e là alla modalità tutta ‘accademica’ di voler definire le tendenze principali del tasawwuf come fossero scuole di pensiero con un determinato fondatore, una precisa data di nascita, e un determinato alveo ambientale in cui se ne esprimerebbe l’insegnamento, a detrimento di altri (quando invece tale ‘alveo’, ammesso che possa essere definito in un qualche modo, si potrebbe dire costituito da ‘tutte’ le organizzazioni dell’esoterismo tradizionale dell’Islam, conosciute e non conosciute). Apprezzabile l’apparato di note, specialmente laddove in vari punti ci si sforza di chiarire il significato dei termini arabi.

INDICE GENERALE: Introduzione - Maestri e discepoli - Amore e Conoscenza - L'abbandono fiducioso e la povertà spirituale - Lo shaykh Abû 'Abd ar-Rahmân as-Sulamî e il suo tempo - La “gente del biasimo” - La cavalleria spirituale - Sûfî e mutasawwif - Introduzione al Sufismo - Sulla compagnia dei Sufi - Sull'amore - Sulla conoscenza - Sull’affidarsi con fiducia a Dio - Sulla peculiarità dell’abbandono fiducioso - Sulla ricompensa del tawakkul - Sulla soddisfazione - Sulla cavalleria - Sulla generosità - Sulla compassione - Sulla bontà di carattere e l'umiltà - Sulla nobiltà d'animo - Dei consigli - Sulle condizioni del Sufismo - Glossario  dei termini  arabi - Indice dei nomi e dei luoghi - Indice dei versetti coranici citati - Bibliografia essenziale

 
 
Edizioni Orientamento Al Qibla - seguici su facebookseguici su facebook
  Archivio de "La Pagina del Venerdì"  |  Sezione in Arabo  |  Link  |  Catalogo  
  
  
    
  Edizioni Orientamento / Al Qibla - Via G. Rossa 31, 42040 Campegine (RE)
Partita IVA: 02140220357 -  Tel. 0522 677407
Edizioni Orientamento / Al Qibla www.edizioniorientamento.it